ma vai a Jesi!

400px-Jesi,_MuraSul web si incontra una infinita quantità di siti, pagine fb e altri social che ospitano la passione degli italiani di provincia per le loro piccole patrie. Molti cercano di scrivere i loro proverbi, modi di dire, frasi abituali in un dialetto di cui quasi sempre ignorano la sintassi e l’ortografia e anzi che pensano non ce ne sia alcuna.

Assieme all’ignoranza dellle regole di scrittura si scopre un’altra ignoranza, quella del perché si dice  quello e in quel modo. E’ capitato anche a me, parecchio tempo fa , quando pur non essendo di Jesi ci venivo  da ragazzina dato che ci abitavano i miei parenti più stretti.

The-Towers-of-Bologna

una veduta dall’alto delle due torri

Abitavo allora a Bologna e la prima volta che dissi “non posso venire perché in quei giorni vado a Jesi” mi sono sentita rispondere: “Ma ci vai perché ci devi andare o perché ti ci hanno mandato?” La risposta mi incuriosì ovviamente e andai a cercare il perché. Dunque se a Bologna dicevano “Vai ben a Jesi” significando “Va a morire ammazzato” oppure  “Vatti a far impiccare” non è perché i bolognesi abbiano qualcosa a che dire su Jesi, ma è che, al tempo del dominio papalino delle Marche e anche del Bolognese,  a Jesi si fabbricavano cordami di alta qualità per la Marina Asburgica e per le reali impiccagioni e , vedi caso, anche ottimi saponi che servivano tra l’altro  per lubrificare le corde suddette.

 

CORDERIE-ROYALE-4-TIJ-022 copie copieInsomma già i marchigiani erano tristemente conosciuti perchè facevano gli esattori per il papa da cui il detto “meglio un  morto in casa che un marchigiano sulla porta”  gli jesini per di più oltre che marchigiani erano anche in qualche modo partecipi delle impiccagioni…

Dunque un detto, ancora oggi o quasi, usato nasce ed  è documento e memoria della storia quella vera anche se non quella “grande”. Don Attilio, il mio grande parroco, mi raccontava che quando era un giovane seminarista di Jesi, accompagnò un gruppo  jesino a Bologna assieme a tanti provenienti da mezza Italia. Lui reggeva un cartello con la scritta JESI e si accorse che chi li vedeva passare li segnava a dito e sorrideva… 070b92c7-365b-4757-97eb-6b2d5bd3b3bfLoro, gli jesini, si guardavano per vedere cosa avessero che suscitava l’ilarità… “che ne so, magari avevamo il sottabito che passava sotto”… Trovarono la risposta solo chiedendo a un prelato bolognese che appunto raccontò la storia del “va ben a Jesi” E diciamo che la storia a volte è noiosa, lontana: è che noi siamo spesso un po’ ignoranti o almeno inconsapevoli, altroché.

per il giorno della memoria

Galleria

This gallery contains 8 photos.

Forlì, 1959. Una cittadina in cui i segni del fascismo appena caduto sono ancora molto presenti e numerosi dato che “lui” era di qui. Noi andiamo a scuola in un edificio fascista, che è stato accademia aeronautica  e l’enfasi e la prosopopea mussoliniana sono ovunque; i muri dei locali dove studiamo, quelli delle scale e dei corridoi sono ricoperti di … Continua a leggere

è morto “codesto”!

Ho l’impressione che leggendo il titolo parecchi si siano chiesti:  “e chi è ?”. Appunto: chi si ricorda che fino a un po’ di tempo fa i dimostrativi erano tre cioè:  questo, codesto e quello.

scrittura

Se era chiaro a tutti il senso di questo e di quello, codesto per la raffinata sottigliezza del suo significato è sempre stato di uso un po’ riservato. Non vorrei fare la maestrina, ma insomma voi state leggendo su “codesto” vostro computer, che è vicino a voi che leggete e lontano da me che parlo… Mi sono accorta della sua definitiva sparizione oggi e mi ci ha fatto pensare l’incontro con un tizio di cui a suo tempo sono stata la segretaria. Dovendo battere a macchina una sua minuta mi accorsi che aveva usato “a cavolo” il suddetto codesto e glielo feci notare. Dall’alto della sua autorità mi ordinò di battere a macchina fedelmente quello che aveva scritto e “Come mi permettevo di mettere in dubbio eblablabla”. Lo feci e pochi giorni dopo a quella lettera risposero che si trovavano in difficoltà a capire che cosa avevamo voluto dire… uno a zero!

parole_1

Però almeno quel tizio era diplomato ragioniere, ma qualche tempo dopo una collega, dall’alto della sua Laurea in Lettere presso una prestigiosa Università , cercò di spiegarmi che, lungi dal significare quello che sostenevo io,

“codesto è soltanto un modo più elegante e antiquato di dire questo”

Alè! Secondo me l’hanno tolto di mezzo perchè sennò toccava fare continuamente delle discussioni. Amen.

De-Mauro-paravia