è morto “codesto”!

Ho l’impressione che leggendo il titolo parecchi si siano chiesti:  “e chi è ?”. Appunto: chi si ricorda che fino a un po’ di tempo fa i dimostrativi erano tre cioè:  questo, codesto e quello.

scrittura

Se era chiaro a tutti il senso di questo e di quello, codesto per la raffinata sottigliezza del suo significato è sempre stato di uso un po’ riservato. Non vorrei fare la maestrina, ma insomma voi state leggendo su “codesto” vostro computer, che è vicino a voi che leggete e lontano da me che parlo… Mi sono accorta della sua definitiva sparizione oggi e mi ci ha fatto pensare l’incontro con un tizio di cui a suo tempo sono stata la segretaria. Dovendo battere a macchina una sua minuta mi accorsi che aveva usato “a cavolo” il suddetto codesto e glielo feci notare. Dall’alto della sua autorità mi ordinò di battere a macchina fedelmente quello che aveva scritto e “Come mi permettevo di mettere in dubbio eblablabla”. Lo feci e pochi giorni dopo a quella lettera risposero che si trovavano in difficoltà a capire che cosa avevamo voluto dire… uno a zero!

parole_1

Però almeno quel tizio era diplomato ragioniere, ma qualche tempo dopo una collega, dall’alto della sua Laurea in Lettere presso una prestigiosa Università , cercò di spiegarmi che, lungi dal significare quello che sostenevo io,

“codesto è soltanto un modo più elegante e antiquato di dire questo”

Alè! Secondo me l’hanno tolto di mezzo perchè sennò toccava fare continuamente delle discussioni. Amen.

De-Mauro-paravia

 

è morto “codesto”!ultima modifica: 2014-01-16T11:54:08+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “è morto “codesto”!

  1. E’ vero che sta cadendo in disuso nel linguaggio parlato, ma è un termine che si usa ancora normalmente in quello burocratico o nella lingua scritta di un certo registro… Nel linguaggio nessuno può eliminare niente, anzi è l’epoca dei neologismi…

    • il mio intento era ovviamente sarcastico… Certo nel linguaggio burocratico resiste, ma appunto quanti ne capiscono il senso? E le parole se non si usano secondo me muoiono anche, continuano a vivere solo nei dizionarii.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*