Ungheria e ipocrisia

Il 4 novembre scorso era l’anniversario dell’ingresso, nel 1956,  dei carri armati in Ungheria per soffocare la rivolta contro il dominio sovietico.

Nel 1956 avevo 13 anni, avevo appena cominciato a frequentare le Magistrali, stavo in collegio e per andare a scuola si attraversava il centro di Forlì, in fila per due, in divisa blu….  non si usciva mai da soli, sempre accompagnate da almeno una o due suore, si doveva camminare “con modestia” cioè occhi bassi, atteggiamento severo…
Venivo dalla campagna ed ero piccola per cui il 5 o forse il 6 novembre quando cominciarono a parlare di “fatti di Ungheria” e la suora, anziché farci entrare dal solito cancello, ci fece fermare fuori perché si doveva manifestare contro l’aggressione sovietica io davvero non capivo di cosa stessero parlando.
Non capivo, ma mi piaceva essere chiamata a fare qualcosa per la libertà e la democrazia. erano parole che conoscevo, figlia e nipote di anarchici come ero.
E così, sempre in gruppo e con la suora-guardiana fra noi,  non entrammo in classe, facemmo sciopero e andammo persino sotto alle finestre del Liceo dove  le classi  facevano lezione a gridare loro di uscire…

Schermata 11-2456967 alle 13.54.38

una immagine delle manifestazioni di protesta per l’invasione dell’Ungheria nella foto del famoso Tazio Secchiaroli

Mi ci sono voluti molti anni per capire che chi ci aveva mandato lì senza che ne sapessimo niente non era certo il desiderio di affermare il diritto alla libertà e all’ autodeterminazione degli ungheresi.
A portarci a manifestare e a convincere le nostre suore-guardiane ad acconsentire anzi ad organizzare  la nostra partecipazione alle manifestazioni di sicuro era stata  la telefonata del capo locale della DC o per lui di qualcuno della Curia per approfittare  dell’evento allo scopo della propaganda anticomunista.
Sono passati così tanti anni, ma ancora essere stata manipolata  e che abbiano approfittato della mia generosa e ingenua adesione  all’idea di libertà ancora mi brucia.

Schermata 11-2456967 alle 13.53.41

Ungheria e ipocrisiaultima modifica: 2014-11-05T14:18:34+00:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*