scuola all’aperto: che bella idea!

42754272_2500449846636821_8289840107427463168_n

il prato dietro la nostra scuola, dove appena possibile si faceva educazione fisica giocando fino a stancarsi in primavera sul prato coperto di pratoline! E il nostro amato gelso, palestra di arrampicate avventurose (!!?)

Con quali modalità si tornerà a scuola  ancora non si sa, ma fra le varie proposte ne spicca una che è condivisa pare da tutti: fare scuola all’esterno, fuori dagli spazi ristretti e potenzialmente poco salubri delle aule.Una proposta saggia che comunque mi fa sorridere: quando, fino a 20 anni fa, insegnavo alle elementari stare all’aperto, andare a vedere da vicino qualcosa su cui stavamo ragionando era una costante. Direi quasi che cercavamo le occasioni perché la vita scolastica assomigliasse di più alla vita “normale”, dove a nessuno viene in mente di tenere un ragazzino immobile per ore.

Schermata 2020-06-07 alle 06.50.52

in campagna, con Manuela, Marina e me dietro l’obiettivo

Così i giri per il quartiere, le uscite nel nostro parco e nella campagna confinante con la scuola erano quasi quotidiane.

E se poi succedeva qualcosa di speciale, per esempio veniva fuori un interrogativo che richiedeva una ricerca sul campo (vedi “dove va a finire la cacca”) in pochi minuti eccoci fuori a investigare. Bastava lasciare scritto alla lavagna: siamo fuori a cercare…

classe

con i notes in mano, pronti a partire, con Marina

Da queste uscite si tornava allegri, consapevoli e anche se non si era diventati più colti di sicuro si era stati bene assieme il che mi pare  molto importante. Stare assieme bene è molto educativo, insegna a vivere!

Schermata 2020-06-07 alle 06.50.00

la casa dietro la scuola sotto la neve fotografata dal prato della scuola (senza tende!!!)

Ma poteva anche essere un evento particolare, una emozione da godere che ci trascinava fuori a forza; ho il ricordo indelebile del giorno in cui, quando ci accorgemmo di una improvvisa nevicata, in fretta ci precipitammo a vestirci e via, fuori, a goderci quei fiocchi di neve di cui sono  molto parchi i nostri inverni…. Una volta fuori una bambina mi fece notare che le finestre delle altre classi avevano le tende tirate… “Perché ?”

Credo di aver riposto con imbarazzo che forse avevano cose importanti da fare che non potevano distrarsi. 

62117497_2922281211120347_2502642757223317504_o

riposiamo sotto un’ombra fresca con me e Manuela dietro l’obiettivo

Quegli insegnanti non ci sono più, mi auguro che quelli di oggi riescano a trovare la didattica adatta alla scuola all’aperto e non  trascinino magari fuori anche la mentalità del banco e delle tende tirate.

Schermata 2020-06-07 alle 06.49.14

una delle classi posa, fiera, davanti al murales che hanno pensato e realizzato per coprire un brutto muro del giardino della scuola

Alla mia collega Manuela e a me quel modo di fare procurò una quantità di critiche di scuola poco seria, di stare “sempre a giocà” come recentemente uno degli scolari di allora ci ha raccontato gli dicevano i suoi. Lui però confermava che quella vita scolastica era stata bella, utile, e di ricordarla con piacere.  Un ottimo risultato secondo noi.

PICT1178al conero copia

Al Parco del Conero, con il necessario per disegnare e appuntarsi quello che ci colpisce…

scuola all’aperto: che bella idea!ultima modifica: 2020-06-07T10:52:55+02:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *