Io, Mafalda e Quino

download

Ho appena appreso della morte di Quino, il “padre” di Mafalda…. lo ricordo così:

Bologna, anni fa, fiera del libro per ragazzi, sezione illustratori.

C’é un incontro con Quino, il fantastico autore di bambini come Mafalda e i suoi amici, graffianti e lirici allo stesso tempo.
Io un po’  per paura di non trovare posto e un po’ per pietà verso i miei piedi, mi vado a sedere con molto anticipo nella saletta indicata.
Sono sola.
Dopo poco entra LUI, Quino.
Ci salutiamo con un cenno e un sorriso.
Lui si mette a sistemare i suoi fogli e io comincio ad arrovellarmi:
vado lì?
Gli chiedo l’autografo?
Poveretto,  perché non lasciarlo  in pace ..
Che gli dico? Scusi, potrebbe, sono una sua ammiratrice…
Che imbarazzo, che banalità.

Lascio stare e per dieci minuti buoni condividiamo il silenzio e l’attesa, continuando le nostre faccende  e solo ogni tanto sfiorandoci con lo sguardo. Poi cominciano ad arrivare  gli altri a frotte, si mettono in fila davanti a lui e lui fa a tutti un piccolo disegno, una dedica e l’autografo.
Io no, io non ne ho bisogno, io ci sono stata con lui, da sola, capirai che mi frega dell’autografo!

Io, Mafalda e Quinoultima modifica: 2020-09-30T15:37:00+02:00da scanfesca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *